fbpx

Decreto Dignità: ecco tutto quello che c’è da sapere

Durante l’estate del 2018, e con 155 voti favorevoli, 125 contrari e un solo astenuto, il Decreto Dignità superava la prova del Senato e diventava legge. I temi di discussione sul tavolo sono stati principalmente lavoro e contratti. Oltre a questi, si è discusso anche di scuola, delocalizzazioni e gioco d’azzardo.

Il Decreto Dignità ha nel suo DNA una ferma volontà di contrasto al precariato, al fine di favorire l’occupazione. Un boost alle assunzioni a tempo indeterminato, che salvaguardi il lavoratore e tuteli l’azienda.

Vietato assumere a termine?

Ovviamente no, ma si auspica che il datore di lavoro scelga questa forma contrattuale in caso di reale necessità. Possiamo dunque affermare che il Decreto Dignità sia incentrato sui contratti a termine, ed è insito nel nome del decreto: a voler essere salvaguardato è il diritto, per il lavoratore, alla dignità lavorativa, e conseguentemente a un’occupazione quanto più possibile definitiva.

Principali novità: l’articolo 19 si modifica

La novità è contenuta in un emendamento al decreto Sostegni bis, condiviso dall’Esecutivo, e approvato il 7 luglio dal Parlamento.

La disposizione cambia l’articolo 19 del Dlgs 81 del 2015, rivisto, come detto, dal Dl 87, aggiungendo la possibilità per i «contratti collettivi di cui all’articolo 51 del Dlgs 81» (quindi contratti nazionali, territoriali e aziendali) di poter disciplinare i contratti a termine. Oggi il decreto dignità è stato appena scalfito dagli ultimi provvedimenti emergenziali, che consentono i rinnovi per una sola volta senza causali fino a dicembre. Con questo emendamento, il Dl 87 si modifica in modo strutturale.

La novità cambia il quadro normativo in questo modo. I contratti a termine restano di durata di 24 mesi, ma dopo i primi 12 mesi “liberi”, se si vogliono prolungare, scattano le rigide causali legali: a) esigenze temporanee e oggettive, estranee all’ordinaria attività, ovvero esigenze di sostituzione di altri lavoratori; b) esigenze connesse a incrementi temporanei, significativi e non programmabili, dell’attività ordinaria. Se non si rispettano tali condizioni, scatta la conversione del rapporto a termine in contratto a tempo indeterminato (dalla data di superamento del termine di 12 mesi).

Nuovo comma all’articolo 19: contratti anche per le specifiche esigenze

Con la modifica approvata dal Parlamento, con una larghissima maggioranza, si introduce un nuovo comma all’articolo 19, che prevede che si possano attivare contratti a tempo anche per le «specifiche esigenze previste dai contratti collettivi di cui all’articolo 51». D’ora in avanti, quindi, si consente alle parti sociali, che meglio conoscono le singole realtà produttive, di individuare le ipotesi in cui è possibile apporre un termine al contratto.
Il passo avanti è significativo, come spiegano gli esperti.

Con l’emendamento messo a punto dalla maggioranza e condiviso dal Governo «si restituisce alla contrattazione collettiva (anche aziendale) la regolazione dei rinnovi e delle proroghe dei contratti a termine – ha detto Arturo Maresca, ordinario di diritto del lavoro all’università la «Sapienza» di Roma -. Finalmente il legislatore ha dovuto prendere atto che la norma legale sulle causali del decreto Dignità creava problemi alla corretta occupazione a tempo determinato che, peraltro, oggi con le incertezze dovute alle conseguenze della pandemia è l’unica che è in grado di promuove occupazione di qualità».

Risultati Istat

I numeri dell’Istat, del resto, parlano chiaro. Da gennaio a maggio l’occupazione è cresciuta di 180mila unità, tutti contratti a termine. I contratti a tempo indeterminato a maggio sono pressoché stabili, +6mila unità su aprile, complice anche una ripresa economica che sta partendo (ma i cui contorni non sono ancora chiarissimi).
«Per questo imprese e lavoratori hanno bisogno di flessibilità buona e tutelata – sottolinea la sottosegretaria al Lavoro, Tiziana Nisini (Lega) -. Con l’ok del Parlamento del 7 luglio viene, di fatto, smontato il decreto Dignità, che ha presentato da subito molte criticità, acuite dalla crisi, per via di norme assurde. È inoltre confermata la linea che ha sempre portato avanti la Lega, cioè dare un’opportunità alle persone di uscire dalla disoccupazione seppur con un contratto a termine. Anche in questo frangente il governo Draghi si è dimostrato di assoluto buon senso».

Soddisfazione è stata espressa anche dal Pd. «Si tratta di un lavoro che viene da lontano e che è il frutto della presa d’atto della situazione nella quale a causa della pandemia viviamo – evidenzia la capogruppo Dem alla Camera, Debora Serracchiani, che assieme al professor Antonio Viscomi della commissione Lavoro della Camera hanno fortemente spinto per la norma -. Giusto poi, come abbiamo sempre sostenuto, affidare il tema delle causali alla sede naturale, e cioè alla contrattazione collettiva».

www.inhrgroup.it